Neonato muore dopo la vaccinazione obbligatoria

Neonato

Un neonato di due mesi è deceduto all’Ospedale Paternò Arezzo di Ragusa, dove era stato ricoverato dopo la somministrazione di un vaccino obbligatorio. La morte del bimbo è avvenuta il 29 giugno scorso e la Procura ragusana ha aperto un’inchiesta e ha iscritto, come atto dovuto, alcune persone nel registro degli indagati.

Le indagini dei carabinieri sono stata avviate dopo la denuncia dei genitori: i militari hanno acquisito la cartella clinica del neonato e hanno notificato a dieci persone (personale dell’ospedale, ma anche dell’Asp di Ragusa) un avviso di conferimento d’incarico per l’autopsia, prevista per oggi.

L’inchiesta della Procura, come si legge in una nota, è finalizzata

a stabilire con certezza le cause della morte del bimbo, al fine di far luce su eventuali responsabilità di colpa medica da parte dello staff dell'ospedale o del personale dell'Asp di Ragusa che ha provveduto alla somministrazione dei vaccini, cui apparentemente sembrerebbe essere stato conseguente il decesso.

La direzione aziendale dell’Asp si difende sostenendo che il neonato aveva una “malformazione cardiaca congenita” e che, al momento del ricovero, le sue condizioni di salute erano gravi:

Approntate, immediatamente, le cure del caso il bambino è stato trasferito nella divisione di neonatologia e Unità terapia intensiva neonatale dove alle 6,45 si registrava il decesso,

si legge nella nota dell’Asp. Ora toccherà agli inquirenti fare luce sui fatti, individuando eventuali responsabilità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail