'Ndrangheta: traffico di droga dalla Colombia su velieri, 34 arresti

La Gdf nell'ambito dell'operazione denominata Santa Fe ha eseguito arresti anche in Spagna. La droga viaggiava a bordo di velieri e barche a vela dalla Colombia alla penisola iberica.

arresti cocaina 'ndrangheta

Sono 34 gli arresti eseguiti oggi in un blitz contro il traffico di droga, tipo cocaina, gestito dalla 'ndrangheta. L'operazione è stata messa a segno dai finanzieri del Gruppo investigazione criminalità organizzata (Gico) di Catanzaro in collaborazione con la Guardia civil spagnola.

A finire in manette presunti affiliati alle cosche della mafia calabrese, ormai egemone tra le organizzazioni malavitose italiane nel narcotraffico internazionale di polvere bianca. Gli arrestati sono ritenuti responsabili di un traffico internazionale di droga in arrivo dalla Colombia.

I militari del Gico delle Fiamme gialle nell'ambito della medesima operazione, denominata Santa Fe, hanno eseguito arresti anche in Spagna. All'inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, ha collaborato anche la Dea (Drug enforcement administration) americana.

La Guardia di finanza durante le indagini ha sequestrato in tutto quattro tonnellate di cocaina a bordo di alcune barche a vela e velieri oltre a mettere i sigilli a beni per un valore di 5 milioni di euro.

La droga viaggiava dalla Colombia su barche a vela dirette nella penisola iberica. Nella notte tra il 25 e 26 agosto dell'anno scorso unità navali spagnole con il supporto aereo portoghese hanno intercettato una barca su cui vennero trovati 856 chili di cocaina.

Altri 725 kg furono trovati su un veliero abbordato al largo delle Canarie a inizio anno. Gli investigatori hanno individuato anche il narcotrafficante colombiano fornitore di cocaina alle cosche di 'ndrangheta calabresi.

Si tratterebbe di un esponente di spicco dell'organizzazione paramilitare colombiana Farc, ricercato anche dalle forze speciali del suo paese e dai Navy Seals Usa: la sua cattura è molto difficile dato che il narcos si nasconde all'interno della foresta Amazzonica dove ha le sue basi operative, raffinerie per la droga e un corpo militare armato fino ai denti che difende la sua sicurezza e i suoi affari.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail