Pescara: tassista rapinato e picchiato da finti clienti

Al tassista è stata assegnata una prognosi di 15 giorni, per trauma cranico e ferite lacero contuse.

Un tassista è stato picchiato e rapinato la scorsa notte a Pescara da due finti clienti. L'uomo si trova adesso in ospedale dove è stato medicato per la contusioni e ferite riportate. Davvero una brutta avventura per l'autista, iniziata quando ha ricevuto una telefonata al Radio Taxi, per la prenotazione del servizio.

L'uomo ha fatto salire i due falsi clienti sul taxi "caricandoli" intorno all'una, in via Salara Vecchia. Uno dei due si è seduto lato passeggero, quindi di fianco al tassista, l'altro sul sedile posteriore della vettura. Tutt'e due i finti clienti erano ben coperti, i volti quasi non si intravedevano ma questo non aveva destato sospetti nel tassista, visto il gran freddo.

Dopo aver percorso un breve tratto di strada i due malviventi hanno fatto fermare il tassista con una scusa, dopodiché sono passati alle minacce e il passeggero che era seduto dietro lo ha preso a pugni in testa mentre l'altro rapinatore ha estratto un'arma da taglio ferendo superficialmente l'uomo alla coscia e all'addome.

Dopo aver rubato al tassista 150 euro e il suo cellulare i due si sono allontanati, sembrerebbe a piedi, almeno fino a un certo punto. L'uomo è stato quindi soccorso dal personale del 118, i sanitari gli ha assegnato una prognosi di 15 giorni, per un trauma cranico e delle ferite lacero contuse. Sul caso indaga la squadra mobile della polizia di Pescara.

Tassista picchiato pescara

  • shares
  • +1
  • Mail