Contrabbando sigarette: sequestro da 18 tonnellate tra Napoli e Caserta

Sequestrate bionde per 2 milioni di euro, evasi tributi per e mln. Un arresto in flagranza.

Sono 18 le tonnellate di sigarette di contrabbando sequestrate nella notte dai militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Napoli.
 
Le bionde erano nascoste in due depositi, a Orta di Atella (Caserta) e a Napoli. Se immessi sul mercato i circa 900.000 pacchetti, destinati alla vendita nel napoletano, avrebbero prodotto guadagni illeciti per circa 2 milioni di euro.

Insieme al maxi sequestro la Gdf ha eseguito anche un arresto in flagranza di reato, mentre altre cinque persone sono state denunciate. Le sigarette di contrabbando sequestrate erano delle marche Gold Mount, Rgd e Malibo.

Secondo i calcoli delle fiamme gialle gli indagati si sarebbero resi responsabili di un’evasione fiscale pari a quasi 3 milioni di euro.  

I militari della finanza sono arrivati a scoprire i depositi della sigarette seguendo un furgone: il conducente, arrivato vicino al deposito di Orta di Atella, si è accorto della presenza della Gdf e ha tentato la fuga, danneggiando diverse vetture in sosta.

L’inseguimento non è durato molto, il mezzo, carico di sigarette di contrabbando, è stato bloccato e l’autista tratto in arresto.

Nel capannone poi è stato rinvenuto un container contenente oltre 9 tonnellate di tabacchi lavorati esteri, prodotti negli Emirati Arabi Uniti, arrivati in Italia dopo essere passati attraverso altri Stati europei, aggirando il regime di monopolio e i controlli doganali.

sigarette di contrabbando

  • shares
  • +1
  • Mail