Falsi braccianti, truffa da un milione di euro all'Inps

475 falsi braccianti individuati dalla Finanza: percepivano illegalmente indennità

La Guardia di finanza di Sibari, su ordine della procura di Castrovillari in Calabria, ha scoperto una truffa all'Inps per valore di 1 milione e 200 mila euro e ha denunciato 475 falsi braccianti agricoli: dalle indagini è emerso che un imprenditore agricolo ha fittiziamente assunto i braccianti consentendo loro di percepire le indennità previdenziali ed assistenziali: in totale, spiegano le Fiamme Gialle, per 36mila giornate lavorative è stato omesso il versamento dei contributi.

Secondo quanto riportano i quotidiani locali predisponendo dei falsi contratti di fitto o comodato di terreni, l’imprenditore avrebbe documentato all’Istituto di previdenza sociale una disponibilità rilevante di fondi agricoli in modo da giustificare, nel periodo 2011-2012, l’assunzione di operai a tempo determinato (Otd), per circa 36 mila giornate lavorative.

"Questa brillante operazione di servizio conferma ulteriormente la fondamentale importanza del ruolo istituzionale di Polizia economico finanziaria affidato al Corpo della Guardia di Finanza, a sostegno della legalità, nella considerazione che il corretto e appropriato utilizzo delle risorse economiche disponibili consente di destinare maggiori risorse alle politiche di sostegno verso imprese sane e famiglie bisognevoli”.

spiegano dalla Guardia di Finanza di Sibari. L'imprenditore è risucito nell'imponente truffa grazie ad una falsificazione di dichiarazioni e documenti forniti a veri enti previdenziali, al Comune e all'Autorità.

PALESTINIAN-GAZA-ISRAEL-CONFLICT-BORDER-FARMER

  • shares
  • +1
  • Mail