Brindisi: truffa alle assicurazioni, serigrafia stampava falsi certificati e polizze

Scoperta una "centrale" per la falsificazione di certificati di ogni tipo, medici e assicurativi.

Truffa alle assicurazioni, un'altra. La Guardia di finanza di Brindisi ha denunciato in tutto oggi 64 persone per le accuse di falso e truffa alla compagnie assicurative.

Le indagini avrebbero scoperto una vera e propria centrale per la falsificazione di certificati di ogni tipo, medici e assicurativi - quindi referti di pronto soccorso, esami specialistici e polizze Rc auto - e ancora patenti di guida, revisioni, passaggi di proprietà di veicoli, tessere sanitarie, certificati del casellario giudiziario.

Non mancava nulla per una perfetta truffa alle assicurazioni. E così è stato, almeno fino a un certo punto. L'inchiesta, partita dopo un casuale controllo a un automobilista, aveva già portato al sequestro di personal computer, tablet, cellulari e altri dispositivi informatici, compresi supporti di memoria, presso un negozio di serigrafia e grafica pubblicitaria della provincia di Brindisi.

Dai successivi accertamenti è emerso che era proprio il titolare della serigrafia che su commissione dell'organizzazione criminale dedita alla truffa stampava i falsi certificati e le false polizze. Ad essere indagati ora sono lui e altre 63 persone, suoi clienti per così dire, accusati di concorso con il titolare dell'agenzia pubblicitaria per falso e truffa.

Gli investigatori della Gdf hanno informato del raggiro ai loro danni società assicurative, imprese, operatori sanitari pubblici e privati che hanno sporto querela come parti lese.

Truffa Rc auto brindisi

  • shares
  • +1
  • Mail