Milano, uccise un senzatetto a calci e pugni: 22enne ha confessato

Il 22enne, per mesi coperto dagli amici, è crollato e ha ammesso le proprie responsabilità nell'omicidio di Ioan Popa.

omicidio a Cusano Milanino


A pochi mesi dalla barbara aggressione costata la vita, lo scorso 15 ottobre, al 52enne Ioan Popa, senzatetto romeno massacrato di botte davanti a un pub di Cusano Milanino, le autorità hanno arrestato il presunto responsabile.

Si tratta di un giovane di 22 anni, Rocco Rendina, incensurato e disoccupato. Il poco più che adolescente si sarebbe avventato sull’uomo dopo che questi avrebbe provato ad accarezzare il suo cane. E’ stato lo stesso 22enne, messo alle strette dagli inquirenti, a crollare e confessare tutto, mettendo nei guai anche gli amici che per mesi lo hanno coperto.

E’ accaduto tutto intorno alle 2 di notte del 15 ottobre 2014. Secondo la ricostruzione dei militari, Rendina e sei amici - tre ragazzi e tre ragazze di età compresa tra i 18 e i 20 anni - si trovavano davanti a un pub di via Ferrari poco dopo l’orario di chiusura.

Popa si sarebbe avvicinato al gruppetto, ubriaco fradicio, e avrebbe attaccato bottone. Quando l’uomo ha provato ad accarezzare il cane di Rendina, un dogo argentino, il giovane si sarebbe avventato su di lui aggredendolo con calci e pugni e lasciandolo privo di sensi sull’asfalto.

Il senzatetto è stato soccorso una mezz’oretta dopo, quando il titolare del pub è tornato indietro per prendere una bottiglia nel locale e ha trovato Papa in gravissime condizioni sul marciapiede. Il repentino intervento dei sanitari del 118 non è servito a salvargli la vita: il 52enne è deceduto dieci ore dopo a causa delle lesioni riportate.

Le indagini sono scattate subito, intralciate dai sei amici di Rendina che per settimane hanno negato categoricamente la presenza del giovane sulla scena del delitto. I militari hanno continuano a interrogarli fino a quando una di loro si è contraddetta e ha fatto il nome di Rendina.

A quel punto, scrive La Repubblica di Milano, è bastato convocare il 22enne e interrogarlo: Rendina è crollato subito ed è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario. La posizione degli amici del giovane è ancora al vaglio degli inquirenti.

  • shares
  • +1
  • Mail