Palermo, coppia ruba energia elettrica: arrestati

E non è l'unico caso in questo mese

Ennesimo furto di energia elettrica questa volta a Partinico, provincia di Palermo, ad opera di una coppia di 40enni. I due sono stati colti in fragranza di reato dai Carabinieri, condotti agli arresti domiciliari e processati per direttissima.

Grazie alla realizzazione di un allaccio abusivo che collegava i rispettivi appartamenti e la rete elettrica del Comune, i due erano riusciti a far registrare nei propri contatori un consumo di energia inferiore del 100% rispetto al dato reale. Loro consumavano e l'Enel pagava.  Dopo sopralluoghi e rilievi,  i tecnici della società elettrica  hanno provveduto a rimettere in sicurezza l'impianto ripristinando la rete.

Energia elettrica "a scrocco", una pratica consolidata: Alcamo, Roccella Jonica, Sezze, Sovariano, Balestrate, Bosco Reale, sono alcuni dei paesi in cui nel solo mese di Maggio si sono verificati casi simili.  Una pratica ormai consolidata da anni e che assegna il record a Napoli dove le autorità hanno scoperto che 60 famiglie su 100 delle villette del quartiere Barra di Napoli alleggerivano la propria bolletta grazie ad allacci abusivi.

Nella stragrande maggioranza dei casi i militari hanno potuto riscontrare l'altissimo livello di pericolosità legata alle devizioni di corrente, nella maggior parte realizzate con morsetti metallici e saldature collegati a fili volanti diretti verso le abitazioni. In altri casi invece il furto dell'energia avviene tramite l'utilizzo di un magnete: una potente calamita posizionata sopra il contatore che permette la rilevazione solo parziale dei consumi di energia elettrica. Il costo dell'operazione è di appena 250 euro contro i migliaia risparmiati. Dalle indagini delle autorità è venuto fuori che la maggior parte dei sistemi viene acquistata su internet anche se pare che siano i cinesi i principali fornitori delle scatolette.

Ma cosa rischia il furbo della bolletta?  Per primo una denuncia da parte dell’Enel, che costituendosi parte civile intima il pagamento immediato di quanto sottratto illegalmente, più i danni. Anche il diritto penale ha dovuto fare i conti con questo particolare reato facendolo rientrare negli illeciti a consumazione prolungata la cui pena prevista varia da sei mesi a tre anni di carcere.

furtoenergia

  • shares
  • Mail