Gioia Tauro, sequestro di droga: scoperti 78 chili di cocaina

La droga, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato ai narcotrafficanti circa 16 milioni di euro.

Nuovo e importante sequestro di droga nel porto di Gioia Tauro, l’ennesimo dall’inizio dell’anno, con lo stesso modus operandi dei precedenti carichi illegali scoperti nel porto calabrese.

La cocaina purissima, 78 chilogrammi, era nascosta in un container che trasportava farina appena arrivato in Calabria direttamente dall’Ecuador, uno dei luoghi più attivi nel traffico degli stupefacenti con l’Italia.

Gli agenti del comando provinciale di Reggio Calabria della Guardia di Finanza, in collaborazione coi funzionari dell'Agenzia delle Dogane-Ufficio Antifrode, hanno scoperto il carico illegale eseguendo una serie di incroci documentali e utilizzato le stesse apparecchiature scanner risultate fondamentali in numerose operazioni simili.

L'attività delle Fiamme Gialle, in sinergia con l'Agenzia delle Dogane s'inserisce nel contesto della più generale intensificazione delle attività di controllo finalizzate al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti che si registra nel porto di Gioia Tauro. Intensificazione che ha portato, dall'inizio del 2014, complessivamente, al sequestro di circa 780 kg di cocaina.

E’ quanto recita il comunicato diffuso in mattinata dalla Guardia di finanza, che ha confermato anche come la cocaina purissima, se immessa sul mercato, avrebbe fruttato ai narcotrafficanti almeno 16 milioni di euro.

ITALY-SYRIA-CHEMICAL-WEAPONS


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail