Ragazza inglese stuprata da buttafuori a Roma

Una ragazza inglese di 22 anni è stata stuprata da un buttafuori conosciuto vicino a una discoteca di Roma. L'uomo è stato arrestato.

Un buttafuori di una discoteca romana è stato arrestato con l'accusa di aver violentato una ragazza inglese di 22 anni. La giovane ha raccontato di essere stata ospitata dall'uomo, di 51 anni, domenica mattina dopo una notte trascorsa in un locale nel quartiere di Montesacro. La notte che sarebbe stata poi quella dello stupro da parte del padrone di casa.

Secondo la ricostruzione fatta dai carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Monterotondo, l'uomo - di origine campana - nella notte tra sabato e domenica avrebbe conosciuto la ragazza, che era stata lasciata sola e ubriaca dalle amiche nei pressi della discoteca, offrendole ospitalità nel centro storico di Monterotondo. I due sarebbero quindi saliti sull'autobus per raggiungere la casa dell'uomo, dove si sarebbe consumata la violenza.

Nella tarda mattinata di domenica, la giovane si è resa conto di quello che era successo e ha presentato denuncia ai carabinieri ai danni del buttafuori. L'uomo, approfittando del suo stato, l'avrebbe costretta ad avere un rapporto sessuale. Prima di lasciare l'abitazione, il buttafuori le avrebbe dato dieci euro per prendere i mezzi pubblici e tornare a casa.

Inizialmente, ancora in stato confusionale, la donna britannica avrebbe girato per il centro storico di Monterotondo, rivolgendosi a due vigili urbani, che l'hanno accompagnata alla caserma dei carabinieri. Visitata all'ospedale SS. Gonfalone di Monterotondo, la 22enne è stata sottoposto al protocollo previsto in questi casi. I carabinieri hanno ascoltato a lungo la sua testimonianza, prima di andare a caccia dell'uomo.

In base alla descrizione fatta dalla vittima, il 51enne è stato rintracciato in breve tempo. A casa sua, i carabinieri hanno ritrovato un piccolo quantitativo di marijuana e diversi elementi che ricondurrebbero a un rapporto sessuale avuto nelle ore precedenti. Sono state repertate tracce biologiche, sia in casa sia sul corpo della ragazza. Saranno i Ris, ora, ad analizzarle. L'arrestato è stato condotto nel carcere di Rebibbia, a disposizione della procura della repubblica di Tivoli.

Rebibbia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail