Roma, sgominata la banda dei Rolex: anche Renato Zero tra le vittime

I quattro banditi, tutti residenti nei Quartieri Spagnoli di Napoli, sono stati arrestati dalla Squadra Mobile di Roma.

E’ finita ieri a Roma la lunga attività della cosiddetta “banda dei Rolex”, un gruppetto di rapinatori napoletani che da tempo seminava il panico nella Capitale aggredendo i malcapitati e facendosi consegnare gli oggetti di valore in loro possesso.

L’arresto è scattato nel tardo pomeriggio di ieri in piazza delle Medaglie d’Oro, poco dopo aver messo a segno l’ennesimo colpo: avevano puntato un uomo mentre saliva a bordo della sua Mercedes indossando al polso un orologio d’oro. A bordo di tre scooter hanno inseguito l’automobile della vittima e, al primo semaforo, sono riusciti a infilare la mano nel finestrino e strappare l’orologio dal polso del malcapitato.

I banditi si sono dati alla fuga subito dopo, ma sono stati bloccati mentre stavano per salire in mentro, alla stazione Cipro, con la refurtiva dopo aver abbandonato i motorini.

La denuncia dell’ultima vittima è arrivata proprio mentre i quattro banditi venivano condotti in Questura per essere interrogati. E’ bastato fare un controllo più approfondito per attribuire ai malviventi, tutti napoletani di 33 anni, numerosi colpi messi a segno a Roma nelle ultime settimane, a partire dalla rapina subita il 9 maggio scorso da Renato Zero.

Tra le vittime più note c’è anche il calciatore Camilo Zuniga, che pochi giorni fa è stato rapinato del suo orologio, del valore di 5 mila euro, mentre era a bordo della sua automobile, fermo a un semaforo in via Caravaggio.

I quattro banditi, tutti residenti nei Quartieri Spagnoli di Napoli, sono stati arrestati dalla Squadra Mobile di Roma e si trovano ora in carcere in attesa della convalida dell’arresto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail