Farmaci dopanti: blitz dei Nas, arrestato personal trainer

Oltre 3 mila farmaci dopanti sequestrati dai Nas dell'Italia Centrale: tre persone arrestate. Tra i medicinali trovati, anche il Nandrolone.

Vasta operazione contro i farmaci dopanti e stupefacenti da parte dei Nas dei Carabinieri. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Firenze, Luigi Bocciolini, hanno permesso di eseguire 14 decreti di perquisizione e di effettuare tre arresti. In manette pure un personal trainer, colto in flagranza di reato perché trovato in possesso di sostanze dopanti. Sono stati sequestrati oltre 3 mila farmaci proibiti.

Affiancati, hanno collaborato i carabinieri del Nas di Firenze, Livorno, Bologna e Roma, insieme a personale dei comandi provinciali di Firenze, Siena, Roma e Pisa. Il personal trainer, in particolare, esercitava abusivamente la professione medica, prescrivendo farmaci ad azione anabolizzante, in concorso con un commerciante importava poi i medicinali all'estero. In assenza delle prescritte autorizzazioni, ingenti quantitativi di farmaci - anche ad azione anabolizzante e stupefacente - venivano commercializzati pure sul territorio nazionale, al di fuori dei canali consentiti naturalmente.

Oltre cento gli uomini impegnati nell'operazione: sequestrate 3 mila compresse e oltre 200 fiale/confezioni di farmaci a effetto dopante (tra cui otto fiale contenenti il principio attivo Nandrolone, steroide anabolizzante inserito nella tabella delle sostanze stupefacenti e psicotrope). L'inchiesta, precedentemente, aveva già portato al sequestro di altre 15 mila farmaci vietati.

In un'altra operazione - strettamente collegata alla prima, i Nas di Ancona - con il supporto dei militari delle Compagnie di Tolentino e Fabriano - hanno eseguito due ordinanze, emesse dal gip del Tribunale di Ancona, arrestando un commerciante di integratori alimentari e un noto medico di Fabriano: entrambi sono accusati di aver importato illecitamente in Paesi esteri - prevalentemente la Grecia - farmaci anabolizzanti e stupefacenti.

Carabinieri Firenze

  • shares
  • Mail