83 medici segnalati alla Corte dei Conti: hanno violato nome su attività intramoenia

Il danno erariale ammonta in totale a 5,9 milioni di euro.

La Guardia di Finanzia ha segnalato alla Corte dei Conti 83 medici operanti in tutta Italia e dipendenti da diverse aziende sanitarie ma che hanno violato le norme sullo svolgimento dell'attività intramoenia, provocando un danno erariale che ammonta a 5,9 milioni di euro.

Su molti di loro pendono anche accuse di truffa aggravata e peculato poiché hanno trattenuto in maniera illecita dei compensi che spettavano al Servizio sanitario nazionale. Il Nucleo speciale spesa pubblica e repressione frodi comunitaria ha indagato in 18 regioni e 65 province italiane. Nell'ambito dell'inchiesta sono stati proposti sequestri preventivi per un totale che supera i 2,9 milioni di euro.

In base ai dati forniti da aziende sanitarie locali e aziende ospedaliere, la Guardia di Finanza ha condotto un'analisi di rischio preventiva volta a individuare personale della dirigenza che ha percepito indebitamente emolumenti come indennità di esclusività o retribuzioni di posizione e di risultato violando il vincolo di esclusiva che vige nei confronti della pubblica amministrazione.

Per dieci dirigenti sono state richieste misure interdittive, mentre 33 società e 45 persone sono state segnalate all'Agenzia delle Entrate perché ritenute committenti di incarichi conferiti in maniera irregolare a dirigenti medici pubblici. Le sanzioni ammontano a oltre un milione e 240mila euro.

Tra le regioni in cui sono stati registrati più casi di violazione delle norme sullo svolgimento delle attività intramoenia troviamo il Lazio con 14 medici segnalati alla Corte dei Conti per un danno radiale di 1.379,746, la Puglia con nove medici (sei dei quali denunciati anche alla magistratura ordinaria) e 942.048 euro di danno, la Calabria con due medici (uno denunciato anche alla magistratura ordinaria) e 593.959 euro di danno, la Toscana con sei medici segnati (quattro anche alla magistratura ordinaria) per un danno di 514.462 euro, poi ancora la Lombardia con nove medici segnalati alla magistratura contabile (otto anche a quella ordinaria) con un danno di 433.975 euro, e poi la Campania con sette medici segnalati alla Corte dei Conti (quattro di loro anche alla magistratura ordinaria) e un danno erariale di 443.098 euro.

Medici denunciati attività intramoenia con irregolarità

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail